Italiano
Dansk
Deutsch
English
Español
Français
Nederlands
Polski
Čeština
Green-Zones.eu › Ambiente & Salute › Inquinamento acustico

Rumore - più di un semplice fastidio

Una passeggiata nella foresta, dove si sente solo il cinguettio degli uccelli e il fruscio delle foglie al vento - un'esperienza rilassante. Perché ci dà l'opportunità di dimenticare la rumorosa vita quotidiana che ci circonda. Ma a causa della costante crescita delle città, dell'aumento del traffico e della densificazione dello spazio abitativo, siamo in realtà quasi permanentemente circondati da un suono percepito negativamente, in breve rumore. I suoni che assumono temporaneamente un volume enorme di solito causano lesioni acute nell'orecchio interno, come lo scoppio del timpano. Il rumore permanente, ad esempio causato dal traffico, può causare diversi problemi di salute fisici e psicologici a lungo termine (13). E sebbene il rumore sia stato chiaramente identificato come un rischio per la salute dall'UE e anche dall'OMS (10, 12), la base giuridica è ancora agli inizi in molti paesi dell'UE e le leggi esistenti sono spesso applicate con bassa priorità (10).

 

Il cervello umano può bloccare parzialmente le influenze disturbanti come il rumore. Di conseguenza, non siamo quasi consapevoli di questa influenza permanente. Tuttavia, percepiamo il disturbo inconsciamente attraverso il sistema nervoso autonomo (6). Come reazione a questo, il corpo rilascia ormoni dello stress come l'adrenalina e il cortisolo e mette il nostro corpo in allerta. Con i nostri antenati, questi ormoni garantivano che l'attenzione fosse aumentata in situazioni di pericolo e che sia le funzioni muscolari che quelle cerebrali potessero essere pienamente sfruttate (6). I nostri antenati erano così in grado di reagire più rapidamente al pericolo. Questo stato si è verificato per un periodo di tempo limitato, quando il pericolo acuto era imminente ed era naturalmente vantaggioso dal punto di vista evolutivo. Nel subconscio, siamo ancora in agguato sotto l'influenza del rumore, pronti ad andare in battaglia o a fuggire da un momento all'altro.

 

Questo carico di stress oggi quasi permanente può portare a nervosismo e tensione. Influenza la nostra concentrazione e il nostro rendimento, ci rende facilmente irritabili e irrequieti. Nei casi più gravi, il disturbo acustico porta all'aggressività e può causare ansia (13). Soprattutto, il disturbo acustico percepito durante il giorno ha un effetto maggiore sullo stato d'animo e può causare gravi danni psicologici (5). Se il rilascio di ormoni dello stress diminuisce nei momenti di calma, il corpo soffre di stanchezza e depressione (13). Negli studi con i bambini in età scolare si è scoperto che l'inquinamento acustico aveva un effetto negativo sulla loro motivazione e che sia la comprensione della lettura che la memoria a lungo termine erano compromesse (1). Nei Paesi Bassi è stato dimostrato che il rumore del traffico stradale e ferroviario può causare un aumento della depressione nei gruppi socialmente svantaggiati (1). Uno studio condotto a Southampton, in Inghilterra, ha inoltre rilevato che i membri socialmente più deboli della popolazione hanno di solito meno accesso alle zone tranquille e quindi soffrono maggiormente degli effetti dell'inquinamento acustico. Tuttavia, un collegamento tra lo status socio-economico e gli effetti del rumore sulla salute non ha potuto essere confermato in altri studi. Uno dei motivi è probabilmente il fatto che i centri urbani e le aree con una buona accessibilità sono generalmente considerati come spazi di vita preferiti anche da classi sociali socialmente forti (1).

Poiché il sistema nervoso autonomo non è controllato in modo cosciente, il nostro corpo reagisce all'inquinamento acustico anche di notte (6). A lungo termine, questo stress percepito durante la fase di riposo del corpo può causare ad esempio gravi problemi fisici e avere un effetto negativo sul sistema cardiovascolare e sulla pressione sanguigna (6). I ricercatori di uno studio condotto a Berlino hanno scoperto che le persone anziane, in particolare, hanno quasi il doppio delle probabilità di essere trattate per l'ipertensione se esposte a un livello di rumore superiore a 55 dB di notte, rispetto a quelle esposte a meno di 50 dB (6). L'Agenzia federale per l'ambiente ha scoperto che gli uomini che vivevano per lunghi periodi in un luogo dove erano esposti a un enorme rumore durante la notte erano particolarmente colpiti da malattie cardiovascolari (3). Secondo uno studio danese, il rumore era anche chiaramente associato a un maggiore rischio di infarto (9). Una ricerca dell'Agenzia federale per l'ambiente di Brema ha scoperto che l'inquinamento acustico è associato all'aumento dell'incidenza di alcuni tipi di cancro, come la leucemia e il cancro al seno nelle donne (7). Un altro studio a Berlino ha scoperto un'associazione tra l'inquinamento acustico e i problemi metabolici e la vulnerabilità del sistema immunitario (5). Uno studio svizzero sull'inquinamento acustico notturno ha dimostrato che questo comportava già un aumento dei rischi cardiovascolari da un valore di 40 dB. Uno studio condotto all'aeroporto di Colonia/Bonn sugli effetti del rumore notturno degli aerei ha tratto conclusioni simili (1).

 

L'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha pertanto classificato il traffico aereo notturno a oltre 40 dB come dannoso per la salute (6 ). Per il rumore stradale, la raccomandazione è un massimo di 53 dB durante il giorno e un massimo di 45 dB di notte (12). Tuttavia, questi limiti sono di solito superati: In Europa, circa 100 milioni di persone sono regolarmente esposte a un rumore del traffico stradale di oltre 55 dB. Ciò riguarda 70 milioni di cittadini dell'UE all'interno degli agglomerati urbani, i restanti 30 milioni nelle zone rurali, per lo più lungo le strade principali (10).  Inoltre, le fonti di rumore come il traffico ferroviario e aereo e l'industria colpiscono altri 20 milioni di persone (10). Ciò significa che circa un europeo su cinque vive in zone con livelli di rumore nocivi per la salute (1). Ma anche in ufficio, sugli autobus e sui treni, a casa e di notte, molte persone sono esposte ad alti livelli di rumore (11). Nel 2012, più della metà degli intervistati in un sondaggio rappresentativo, circa il 54%, si è sentita infastidita dal traffico stradale nel proprio luogo di residenza. Anche il traffico ferroviario e aereo (33% e 20% degli intervistati) è risultato fastidioso (2). Ciò comporta gravi conseguenze per la salute: per l'anno 1999, circa 4.000 infarti in Germania sono già stati attribuiti all'esposizione al rumore (4). In calcoli più recenti, l'OMS afferma che solo in Europa occidentale, solo a causa dell'inquinamento acustico dovuto al traffico, si perdono ogni anno oltre 1 milione di anni di vita. Questo include condizioni meno estreme come disturbi del sonno e aggressività, ma 61.000 anni di vita sono assegnati a malattie coronariche, cioè la calcificazione delle arterie coronariche, che può portare a una mancanza di ossigeno in parti del cuore e quindi innescare un attacco di cuore (12). Ciò rende l'inquinamento acustico il secondo maggiore onere ambientale in Europa occidentale dopo l'inquinamento atmosferico (1, 12).

La direttiva sul rumore ambientale 2002/49/CE dell'Unione Europea crea un quadro giuridico per combattere questo inquinamento, ma la direttiva non stabilisce limiti di rumore a livello europeo. Solo pochi paesi dell'UE hanno fissato limiti nazionali (10). Tuttavia, la direttiva richiede la creazione delle cosiddette mappe acustiche che identificano il problema a livello locale e regionale e sulle quali si possono ora costruire piani d'azione. Tuttavia, poiché la protezione dal rumore non è una chiara priorità in molti Stati membri dell'UE, la concettualizzazione di questi piani per combattere l'inquinamento acustico è stata ritmandata (10). Ciononostante, sono sempre più numerose le misure locali adottate per risolvere il problema. In Austria, ad esempio, sono state recentemente istituite le prime zone di protezione antirumore in cui i conducenti con veicoli troppo rumorosi vengono controllati da particolari dispositivi lampeggianti. Anche in Germania e in Svizzera questo concetto sta guadagnando terreno. Anche nelle città europee si stanno organizzando sempre più rifugi ecologici (10). Questi hanno la funzione di pulire l'aria, ridurre il calore in città e fornire protezione contro le inondazioni. Ma gli studi dimostrano anche che l'ecologizzazione urbana può contrastare l'effetto psicologico negativo dell'inquinamento acustico (8). Tuttavia, la tendenza all'urbanizzazione e la conseguente espansione degli agglomerati urbani e l'aumento del numero di veicoli sulle strade non faciliteranno la riduzione dell'inquinamento acustico. Quel che è certo è che, visti gli evidenti effetti nocivi per la salute e il numero di persone esposte a questo inquinamento, è sempre più importante prestare maggiore attenzione a questo problema ambientale.

 

Fonti
  1.  European Environment Agency (2020). Healthy environment, healthy lives: how the environment influences health and well-being in Europe. 
  2. Weinandy, R. (2013). Schwerpunkte 2013 – Jahrespublikation des Umweltbundesamtes; Kapitel Lärm.
  3. Babisch, W. Umweltbundesamt. (2004). Die NaRoMI-Studie - Noise and Risk of Myocardial Infarction.
  4. Babisch, W. Umweltbundesamt. (2006). Transportation Noise and Cardiovascular Risk.
  5. Maschke, C. et al. (2003). Epidemiologische Untersuchung zum Einfluss von Lärmstress auf das Immunsystem und die Entstehung von Arteriosklerose.
  6. Umweltbundesamt (2015). Stressreaktionen und Herz-Kreislauf-Erkrankungen. https://www.umweltbundesamt.de/themen/verkehr-laerm/laermwirkung/stressreaktionen-herz-kreislauf-erkrankungen#auswirkungen-des-larms-auf-die-gesundheit
  7. Greiser, E. Greiser, C. Umweltbundesamt. (2015). Umgebungslärm und Gesundheit am Beispiel Bremen.
  8. Dzhambov, A.M, Dimitrova, D. (2014): Urban green spaces' effectiveness as a psychological buffer for the negative health impact of noise pollution: A systematic review
  9. Roswall, N et al. (2017). Long-term residential road traffic noise and NO2 exposure in relation to risk of incident myocardial infarction – A Danish cohort study
  10. Europäische Kommission (2017). Bericht der Kommission an das Europäische Parlament und den Rat über die Durchführung der Richtlinie über Umgebungslärm gemäß Artikel 11 der Richtlinie 2002/49/EG.
  11. Yoa, C.M.K.L. et al (2017). Noise exposure while commuting in Toronto - a study of personal and public transportation in Toronto