Italiano
Dansk
Deutsch
English
Español
Français
Nederlands
Polski
Čeština
Green-Zones.eu › Ambiente & Salute › Consigli & Trucchi

Cosa possiamo fare per l'inquinamento dell' aria?

La riduzione dell'inquinamento dell' aria è un compito importante. I politici stanno approvando nuove leggi in risposta alle linee guida internazionali, mentre i ricercatori e gli esperti del settore stanno sviluppando nuovi sistemi di filtraggio e auto più pulite per ridurre CO2, particolato e ossidi di azoto e altri inquinanti atmosferici.

Possiamo anche contribuire a rendere la nostra aria più pulita e a proteggere l'ambiente e il clima, ogni giorno: il numero di auto sulle nostre strade continua ad aumentare. Certo, è pratico: basta andare al supermercato, o prendere la macchina per andare al lavoro quando piove al mattino. È così che l'auto è diventata un mezzo di comfort assoluto. Ma gran parte dell'inquinamento atmosferico è causato dal traffico, e tutte le nostre auto vi contribuiscono. Lasciamo perdere ogni tanto. Per distanze più brevi, ad esempio, che si possono percorrere a piedi o in bicicletta. Possiamo fare più carpooling e utilizzare più taxi in comune. In questo modo miglioriamo l'aria, riduciamo gli ingorghi stradali e riduciamo anche l'inquinamento acustico nelle conurbazioni delle nostre città. E viaggiare in compagnia è di solito più divertente. Anche l'autobus e il treno sono un'ottima alternativa all'auto. Ancora una volta, stiamo proteggendo l'ambiente e, allo stesso tempo, stiamo dando al nostro governo locale un incentivo per espandere il trasporto pubblico. Perché solo se questo viene utilizzato con maggiore frequenza, l'investimento della città nell'espansione delle reti darà i suoi frutti. Tuttavia, le auto sono a volte più pratiche, sia perché si ha molto da trainare, sia perché la rete di autobus e treni non è ancora quello che si vuole. Ma anche quando siamo seduti in macchina, possiamo fare qualcosa di buono per la nostra aria: guidare nel rispetto dell'ambiente fa una grande differenza, sia in termini di consumo di carburante che di usura dei freni. E chi deve correre al prossimo semaforo rosso a 60 km/h - è probabilmente meglio per il cuore. E se compriamo un'auto nuova, potremmo prenderne in considerazione una a trazione elettrica. L'offerta di punti di ricarica è ancora piuttosto scarsa in alcune aree, ma migliorerà nei prossimi anni. E chissà per quanto tempo ancora il motore a combustione interna sarà autorizzato a circolare nelle città tedesche ed europee.

Possiamo fare qualcosa per l'inquinamento dell'aria anche a casa. I caminetti, ad esempio, contribuiscono notevolmente all'inquinamento dell'aria. Non importa quanto siano accoglienti le stufe tremolanti, ci sono sistemi di riscaldamento molto più ecologici. E nessuno può proibirci di accenderle correttamente in una fredda notte d'inverno. Lo stesso vale per il nostro comportamento di consumatori. Spesso non pensiamo a quanto abbiamo bisogno di qualcosa. Vogliamo qualcosa e la compriamo. E non dobbiamo nemmeno più allontanarci dal divano. Le app per lo shopping sono sempre a portata di un dito. Pensare se si ha davvero bisogno di qualcosa prima di acquistarlo, o far riparare qualcosa più spesso, ha un impatto sull'industria, e quindi su ciò che esplode nella nostra aria.
Non solo è importante proteggere l'ambiente, ma naturalmente dobbiamo anche fare attenzione a proteggere la nostra salute. Quindi, se la qualità dell'aria è scarsa, dovremmo forse evitare attività come lo sport o la ricreazione all'aperto. Una maschera può anche aiutare a proteggerci dalle polveri sottili e dagli ossidi di azoto quando dobbiamo stare all'aperto in presenza di aria cattiva.

Ma non solo evitare tutte le cose belle della vita aiuta, ma possiamo anche creare attivamente qualcosa che permetta ai nostri polmoni di respirare di nuovo più liberamente. I giardinieri tra di noi forse sanno cosa fa per noi un grande servizio alle piante nella lotta contro l'inquinamento atmosferico. Le piante da interno migliorano il clima interno e creano un'aria migliore. Anche perché le piante possono filtrare le polveri sottili e altri inquinanti dall'aria. I muschi nel giardino e nella natura sono vere e proprie spugne di polvere fine. Le loro numerose piccole foglie assorbono composti inorganici come metalli e sali. L'edera funge anche da filtro naturale dell'aria. Quindi, rinverdiamo i nostri balconi e le pareti della casa con questa bella pianta rampicante per proteggere noi stessi e gli altri dagli agenti inquinanti dell'aria. Poiché nelle città lo spazio è scarso, una start-up tedesca sta ora costruendo i cosiddetti alberi urbani: questi muri verdi, o scatole di legno, vengono piantati con migliaia di muschi e piante e legano circa 30 kg di CO2 e 37 g di polveri sottili all'anno. L'approvvigionamento idrico è alimentato in modo autosufficiente dall'energia solare, in modo che i prati orizzontali non provochino emissioni. La start-up "BiomiTech" dal Messico crea alberi artificiali dall'aspetto futuristico, che ospitano alghe nel centro. Queste colonne hanno l'effetto pulente di 370 alberi naturali. Nelle città dove non c'è quasi più spazio per i parchi e gli spazi verdi, tali progetti potrebbero quindi garantire in futuro un respiro spensierato - proprio come i nostri balconi.

La protezione della nostra aria non è quindi solo responsabilità di esperti e legislatori. Come per tanti problemi ambientali, tutti noi possiamo contribuire a mantenere la nostra aria più pulita. E alla fine, il comportamento di tutti farà una grande differenza. A volte cambiare le nostre abitudini può costarci un piccolo sforzo. Ma forse ci piace andare in bicicletta sotto la pioggia, o fare giardinaggio più di quanto pensassimo.