Dal 2010 – Il bollino CO2 in Europa

In Europa il traffico stradale è responsabile della maggior parte delle polveri sottili e delle emissioni di NOx e di CO2. La riduzione dei livelli di polveri sottili e di NOx si può conseguire attraverso dei miglioramenti tecnici da parte dei costruttori di automobili, ma viene regolata sempre più anche dalle singoli autorità nazionali attraverso appositi bollini ambientali e bollini degli ossidi di azoto. Le conseguenze delle emissioni di CO2, anch’esse responsabili del riscaldamento globale, potrebbero infatti diventare ancora più gravi in futuro.

Nell’era della mobilità è difficile rinunciare all’automobile. Il tipo di guida e i veicoli a basso consumo possono già ridurre una parte delle emissioni.
Per quelle emissioni inevitabili, Climate Company offre agli automobilisti la possibilità di compensare volontariamente le proprie emissioni di CO2 tramite un bollino climatico. Il bollino, raccomandato dall’Agenzia tedesca per la protezione dell’ambiente, viene attribuito in base alla classificazione del veicolo e ai livelli di emissioni di CO2 dello stesso.

Le 3 classi del bollino CO2/bollino climatico, disponibile nei colori verde, giallo e rosso, si basano sulle emissioni di CO2 per km e sono previste principalmente come compensazione volontaria per le automobili che soddisfano i livelli di tre categorie: fino a 130 g CO2/km, fino a 182 g CO2/km e fino a 257 g CO2/km. Tali valori corrispondono generalmente al consumo di un’automobile diesel o benzina pari a 5-5,5 l (verde), 7-7,6 l (giallo) e 9,9-10,7 l (rosso) ad una velocità di 100 km/h.